29 | 04 | 2017

THE GLOBAL INITIATIVE FOR SUSTAINABILITY IN THE ISLANDS
Header_1_canary

Da Greening The Islands l’appello delle isole: “Il tempo è scaduto, molte isole rischiano di sparire a causa dei cambiamenti climatici”

banner_sponsor-doppia-fascia

Nasce Greening The Islands Net, l’app dedicata a promuovere e diffondere l’innovazione contro i cambiamenti climatici nelle isole.

 

Gran Canaria, 2-3 dicembre 2016

Gran Canaria, 2 dicembre 2016 – Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale devono prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare da un lato gli effetti negativi dei cambiamenti climatici e dall’altro i flussi migratori che a loro volta sono sempre più spesso determinati da siccità, inondazioni e carestie connesse agli stessi cambiamenti climatici.

Parliamo di circa 500 milioni di persone che vivono sulle isole in tutto il mondo – spiega Cipriano Marin dell’Unesco – che sono minacciate dall’innalzamento del livello del mare, per questo è necessario agire rapidamente e in modo efficace. Le isole sono le vittime del cambiamento climatico, ma possono essere anche il driver del cambiamento diventando le aree dove realizzare progetti di sviluppo sostenibile, in particolare da un punto di vista energetico”.

La strada per futuro cento per cento rinnovabile è tracciata: 9 nazioni, più di 50 città, 52 regioni, che nel loro insieme rappresentano 55,3 milioni di persone, nei prossimi anni saranno completamente alimentati da fonti rinnovabili. Anche i progetti che stanno prendendo vita nelle isole per trovare nuove forme di approvvigionamento energetico sono sempre più numerosi, parliamo di isole come El Hierro, Fuerteventura, La Graciosa (Isole Canarie), Pellworm in Germania, Jeju Island in Corea, São Miguel nelle isole Azzorre, l’isola di Gotland in Svezia, le isole Maldive e Samoa.

Ma le singole iniziative non sono sufficienti. I governi delle isole si trovano troppo spesso da soli a gestire le emergenze, trovare soluzioni tecnologiche e reperire le risorse economiche per riuscire a dare una risposa concreta alla gestione dei problemi connessi all’approvvigionamento energetico e idrico, agli effetti degli eventi metereologici sempre più estremi.

Manca la consapevolezza e l’intervento delle istituzioni ad alto livello perché venga riconosciuta la “condizione di isola” e forniti sufficienti strumenti legislativi e finanziari affinché le queste realtà possano mettere rapidamente in atto soluzioni tecnologiche innovative per produrre energia e acqua dolce in modo sostenibile.

Le risorse naturali delle isole sono un fattore importante, ma lo è anche l’innovazione tecnologica che per noi è una questione cruciale. Stiamo lavorando affinché l’Unione europea riconosca che le isole sono un laboratorio naturale per lo sviluppo di progetti per la diffusione delle rinnovabili e delle politiche di sostenibilità” ha spiegato Adrián Mendoza, Vice ministro dell’Industria energia e commercio del Governo Regionale delle Isole Canarie.

Per rispondere alla necessità di aggregare quante più isole nel mondo intorno all’innovazione, nasce Greening The Islands Net, la web-app dedicata a promuovere le best practice nelle isole che si candidano a laboratori per combattere i cambiamenti climatici.

Il dibattito di Greening the Islands si trasferisce anche sul web per dare continuità al confronto sulle best practice da replicare e per raggiungere anche le isole e le località più remote. Ci sono infatti oltre 500 mila isole nel mondo, accomunate sia dalle bellezze naturali sia dalle problematiche legate all’autosufficienza delle risorse e alle conseguenze dei cambiamenti climatici. Questi ultimi ci impongono un’accelerazione nell’implementare le migliori soluzioni e lo scambio di idee e progetti è determinante per dare un’accelerazione al processo di cambiamento delle isole.

La nuova piattaforma informatica, grazie a forum online, vuole essere un acceleratore che consente di stimolare il confronto tra chi produce tecnologie sostenibili innovative che possano essere applicate alle isole minori, con governi isolani, istituzioni e media che sostengono la causa dei cambiamenti climatici e non ultimi gli investitori.

Grazie alla app un governo potrà chiedere l’opinione di un piano ambientale ai suoi omonimi di altre isole, così come potrà divulgare l’apertura un bando di gara per un progetto sostenibile, un’azienda potrà diffondere un video sulla propria soluzione innovativa o un progetto realizzato in un’isola.

In una fase iniziale Greening The Islands Net sarà aperta ai partecipanti alle conferenze internazionali di Greening The Islands che si sono tenute a Gran Canaria, Malta e Pantelleria. Ma molte saranno le evoluzioni di questo network online finalizzate a tutelare l’ambiente delle isole e le location remote.

Dopo diversi anni dedicati alla promozione di progetti energetico-ambientali e iniziative di divulgazione scientifica e networking come Greening The Islands, ho maturato l’idea che serviva un modo più continuativo e veloce per far conoscere le migliori soluzioni innovative al maggior numero di isole”, ha commentato Gianni Chianetta direttore scientifico di Greening The Islands. “Greening the Islands Net sarà un community selezionata di operatori che producono innovazione, governi, istituzioni, media e investitori. Come Greening The Islands promuoveremo il dibattito e l’interesse, stimolando la formazione di gruppi di lavoro tematici on line attraverso i quali sarà possibile scambiare opinioni, esperienze, documenti scientifici, testi di legge e altro ancora” ha concluso Chianetta.

Note per le redazioni:

Greening the Islands è un evento internazionale che mira a stimolare il lavoro collettivo intorno ai temi dell’energia, dell’acqua, della mobilità e di tutto ciò che valorizza le isole minori e le località remote. La terza edizione della conferenza, che si terrà a Gran Canaria il 2 e 3 dicembre, consolida l’iniziativa come l’evento internazionale per la valorizzazione delle isole, che è riuscita ad accendere i riflettori su territori spesso dimenticati e sfruttati ma che invece rappresentano un grande valore per l’umanità e vanno tutelati.

Greening the Islands, che vede sempre il coinvolgimento del governo ospitante, quest’anno è organizzato in collaborazione con il Governo delle Canarie e Canary Islands Institute of Technology (ITC) – e riunisce esperti di governi, istituzioni e imprese, per un confronto sulle best practice, le tecnologie più innovative e le politiche di governo.

Canary Islands Institute of Technology (ITC) è un centro tecnologico multidisciplinare del Ministero Regionale dell’Economia, dell’Industria, del Commercio. Da 20 anni sviluppa soluzioni tecnologiche sostenibili per le Isole Canarie e le regioni isolate dei paesi africani limitrofi. L’ITC è attivo, tra gli altri settori, nel comparto delle energie rinnovabili con l’obiettivo di massimizzare la loro penetrazione nei sistemi isolati, nelle tecnologie idriche sostenibili (desalinizzazione, il riutilizzo delle acque) e nelle biotecnologie delle microalghe.

L’evento a oggi è sponsorizzato da Gewiss, Idroambiente, Protecno, SEA Favignana, Terna Plus, Tesla e Foundry Alfe Chem. I media partner dell’evento Canale Energia, LifeGate, Global Water Intelligence, Quotidiano Energia, Thinking Cities, Thinking Highways e Vita.

Per il programma completo della conferenza visitare www.greeningtheislands.com o contattare: secretariat@greeningtheislands.com.

Ufficio stampa:

Cecilia Bergamasco – press@greeningtheislands.com – mob.+39.347.9306784

James Osborne – press@greeningtheislands.com – mob.+39. 349.7937853

human hair wigs clip in hair extensions human hair weave scarpe mbt louboutin pas cher louboutin pas cher Ralph Lauren pas cher ralph lauren pas cher air max pas cher canada goose pas cher air max 90 pas cher louboutin outlet Canada Goose Pas Cher